IMMAGINA L’ITALIA di Jessica Molinari

Pubblicato: ottobre 13, 2010 in POST

Ammettiamolo! Siamo stanchi, furenti e a volte pensiamo di non poter tollerare più nulla! Crediamo che la politica italiana sia arrivata alla frutta o meglio al bicchiere della staffa, eppure ogni giorno apriamo il giornale, navighiamo nella rete e ci colleghiamo a Facebook fiduciosi di trovare finalmente una buona notizia!
Il mio primo articolo al M.A.I voleva essere una denuncia, un voler sbattere i pugni sul tavolo e accusare con forza e fermezza tutti coloro che negli anni hanno rovinato questo Paese. Invece pensandoci, ho compreso che il peggiore dei mali che possa capitare ai potenti non è avere un popolo arrabbiato, ma un popolo mosso da sogni ed idee forti e concrete.
John Lennon, nel 1971, compose Imagine. Un inno alla pace e all’uguaglianza tra gli uomini.
Seguendo il consiglio del mio cantante preferito, ho pensato di immaginare il Paese nel quale vorrei vivere. Non sembrano sogni così difficili da attuare, il buonsenso potrebbe darmi ragione. Eppure, per un motivo o per un altro, sembra proprio che nelle decisioni politiche-amministrative italiane non ci sia molto senso.
L’Italia che sogno è semplice.
Tutti possono lavorare e il lavoro che svolgono è sicuro. Nessuno muore lavorando, perché l’imprenditore ha deciso di mettere tutto in regola. Tutti hanno una casa e tutti possono pranzare e cenare. Tutti possono mandare i figli a scuola, senza aver paura che il tetto cada sulla testa dei bambini. Tutti possono ricevere le cure mediche necessarie e non devono aspettare un anno per un esame. Tutti gli anziani vivono in maniera adeguata, più confortevole dei figli, perché hanno lavorato una vita ed ora devono godersi la pensione. Tutti possono esprimere una loro opinione, e per questo non vengono discriminati. Tutti possono migliorare la loro vita volendolo, perché nell’Italia che sogno, la meritocrazia funziona. Non esistono più le raccomandazioni. Nell’Italia che sogno non c’è la mafia. Perché non essendoci all’interno dello Stato, finalmente la si può combattere e vincere. Nell’Italia che sogno, non ci sono militari, perché non ci sarebbero guerre.
Nell’Italia che sogno, non ci sono italiani, immigrati, settentrionali, meridionali, eterosessuali, gay, transessuali, ricchi, poveri, uomini, donne, animali, disabili, abili, religiosi, fedeli, politici, popolo, casta, sudditi. Nell’Italia che sogno ci sono esseri viventi di pari dignità.
Fintanto che ogni mattina mi sveglierò e avrò in mente questa Italia, farò di tutto per cercare di cambiare il Paese nel quale vivo, iniziando da me stessa, e forse tu potresti aiutarmi!

Annunci
commenti
  1. […] This post was mentioned on Twitter by MovAntibItalian, MovAntibItalian. MovAntibItalian said: IMMAGINA L’ITALIA di Jessica Molinari: http://wp.me/pRJ1I-qy […]

  2. Adolfo Rm ha detto:

    CARISSIMA, IL TUO SOGNO MI E’ PIACIUTO MOLTISSIMO E DEVO CONFESSARTI CHE ANCH’IO, SPESSO, VEDO UN PAESE DIVERSO, PROPRIO SIMILE A QUELLO DEI TUOI SOGNI. CERTAMENTE CHE POSSO AIUTARTI E COMINCERO'(PER LA VERITA’ HO GIA’ INIZIATO) COL NON ACCENDERE LA TELEVISIONE PER TUTTO IL GIORNO; CIO’ CHE MI INTERESSA CONOSCERE SO IO DOVE INCONTRARLO E COME. TI RINGRAZIO PER QUESTO SPAZIO. CIAO, ADOLFO.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...