Lettera a Studio Aperto

Pubblicato: giugno 30, 2010 in POST
Tag:, , , ,

Urbino, 30 giugno 2010

Gentile Direttore,

sono un ragazzo 14enne. Ho deciso di scriverLe dopo la visione di un filmato che circola in rete (Facebook) che riportava l’edizione delle 18:30 di ieri -296\10- del telegiornale “Studio aperto” che Lei conduce. Sono rimasto allibito, incredulo e sinceramente infuriato. Vorrei richiamare la Sua attenzione su alcuni punti che fanno trasparire l’abbandonata professionalità, serietà, equità e soprattutto verità nelle sue dichiarazioni. Primo: i magistrati di Palermo, lei dice:” Hanno spazzato via le fantasiose ricostruzioni sui rapporti tra mafia e politica nel periodo buio delle stragi”. No. I magistrati di Palermo hanno solo escluso collegamenti del processo con le stragi e la fondazione di Forza Italia con Silvio Berlusconi, oggi nostro amatissimo Premier, confermando il concorso esterno in associazione mafiosa fino al ’92. Come scrive Marco Travaglio: Dunque, anche per la Corte d’appello di Palermo, Marcello Dell’Utri è un mafioso. Dopo cinque giorni di battaglia in camera di consiglio, i giudici più benevoli che lui abbia mai incontrato hanno stabilito quanto segue: fino al 1992, prima in casa Berlusconi, poi nella Fininvest, poi in Publitalia, ha sicuramente lavorato per Cosa Nostra (la vecchia mafia dei Bontate e Teresi, e la nuova mafia dei Riina e Provenzano) e contemporaneamente per il Cavaliere palazzinaro, finanziere, editore, tycoon televisivo. Dopo il 1992, cioè negli anni delle stragi politico-mafiose e della successiva nascita di Forza Italia (un’idea sua), mancano le prove che abbia seguitato a farlo per il Cavaliere politico. Questo, in attesa di conoscere le motivazioni della sentenza, è quanto si può dire a una prima lettura del suo dispositivo […]. Secondo: Lei parla del pentito Spatuzza, così:”Hanno ritenuto incredibili le rivelazioni del pentito Spatuzza, che per anni, pagato dallo Stato, con le sue dichiarazioni ha avvelenato la vita pubblica e la reputazione di tante persone perbene”. No. Lei, Signor Direttore, con quale diritto e su quali valide motivazioni può fare un’affermazione del genere? Il Suo, come molti altri telegiornali ha subito annunciato che erano state smentite le dichiarazioni del collaboratore di giustizia (Spatuzza), ma fintantoché i giudici non renderanno pubblica la loro decisione non è certo e come si può, con un po’ di buon senso, immaginare è che le sue “rivelazioni” non sono state né confermate né smentite poiché senza riscontri le sole sue parole non possano avere valore. (Che i riscontri si potevano trovare, per esempio nella persona del pentito Massimo Ciancimino, se i giudici non l’avessero definito “inattendibile” e “contraddittorio” senza valide motivazioni, Lei, sa in cuor suo se dirlo). Il resto della frase credo sia ugualmente infondata e rispecchia la Sua opinione personale, che un giornalista al Suo livello dovrebbe saper frenare. Terzo: “Nonostante questo, gli stessi giudici hanno trovato il modo di condannare il sen. Dell’Utri a sette anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa, un reato molto discusso e francamente molto discutibile”. Anche qui, Direttore, lei ha rinunciato alla professionalità che le compete. Si legge molto chiaramente tra le righe, ma anche nelle stesse, che lei vuole mettere in discussione la decisione dei giudici, e propone la condanna di un mafioso come un altro sgarbo delle “toghe rosse”. Quarta e quasi ultima affermazione, qui Signor Direttore si è veramente messo nei guai:”..e allora, ci viene un dubbio, non è che chi è vicino a Berlusconi, alla fine, qualcosa debba pagare?”. Qui, Lei dichiara praticamente a chi è andato il Suo voto e probabilmente da chi arriva il Suo stipendio. L’infondatezza più totale delle Sue affermazioni mi lascia con l’amaro in bocca e la rabbia nel cuore. Finisce il servizio, dopo aver presentato il processo di Massimo Tartaglia, ecco le Sue parole:”…ma ci viene un secondo dubbio. Non è che chi si accanisce contro Berlusconi, alla fine, non paga mai?”. Anche qui Lei è completamente schierato e ciancia per far compiacere il padrone dei suoi bravi cagnolini (vedi il caso Scodinzolini). Ora, signor Direttore, mi sale un dubbio. Non è che chi serve il potente (Berlusconi), alla fine, ottiene favori e soldi? E, Le dirò, me ne sale anche un altro. Non è che lei, alla fine, non è un giornalista ma un servo? Non è una marionetta impaurita nelle mani del nostro Cavaliere del Lavoro? Lei, signor Direttore, chi è?

P.S.: se un 14enne è riuscito a trovare e smentire le sue affermazioni credo proprio che dovrebbe iniziare a preoccuparsi di quello che le faranno i giornalisti informati e liberi.

Cordiali Saluti,

Giovanni Ugolini

Fonte:http://www.facebook.com/notes/giovanni-ugo/lettera-a-studio-aperto/136334086393800

Toti: studioaperto@mediaset.it

Annunci
commenti
  1. adele falabella ha detto:

    Se un 14enne riesce a contestare, in modo lucido e preciso,punto per punto le affermazioni
    di un sedicente “giornalista”,abbiamo qualche speranza per il futuro.

  2. filippo ha detto:

    secondo me scrive lui gli articoli x studio aperto e x tg1

  3. alexandra ha detto:

    bravissimo!questo ci fa ben sperare per il futuro!e, speriamo, che tanti altri ragazzi della sua età s’interessino sempre di più a ciò che li circonda e non si preoccupino solo di quello che accade a loro personalmente!bravo, bravo, bravo!

  4. marty ha detto:

    Questo dimostra che anche un giovane di soli 14 anni può essere molto più intelligente e professionale dei cosiddetti “presentatori” imparziali che dovrebbero informare gli italiani di ciò che succede nel paese.

  5. Giuliano ha detto:

    Ma che 14enne precoce e superinformato!!!!
    Direi un caso più unico che raro… sicuramente sentiremo parlare di Lui, un simile talento va seguito ed evidenziato per le sue notevoli capacità nel relazionare e commentare fatti che quando sono accaduti era più o meno un poppante!
    COMPLIMENTI!!!

  6. Alessia ha detto:

    Lettera davvero stupenda, ma per quanto mi sforzi, dubito fortemente che sia stata scritta da un 14enne.
    Resta tuttavia uno scritto di alto livello

  7. Capitan Harlock ha detto:

    Le parole di un bambino fecero vedere a tutti quel che tutti vedevano e avevano paura di dire..IL RE E’ NUDO!

  8. Angelica ha detto:

    Per nostra fortuna esistono ancora persone che hanno il coraggio di dire la verità e l’intelligenza di ribattere con argomentazioni solide. Finchè non ci toglieranno la libertà di stampa, quella di pensiero e quella di opinione è giusto attaccare e non tacere le continue scorrettezze ed evidenziare le manomissioni delle notizie che ogni giorno ci vengono propinate dai media.
    complimenti e continua così, e soprattutto non smettere di scrivere. se ci fossero più persone come te, non saremmo a questi livelli.

  9. alex ha detto:

    ma.. ma tu l’hai vista la faccia, del direttore di studio aperto??

  10. ruando ha detto:

    Mi sembra improbabile che un 14 enne possa aver analizzato in maniera cosi’ precisa un servizio giornalistico, comunque, 14 enne o no , è veramente pregevole. complimenti !

  11. Nadi ha detto:

    “Largo ai giovani…..” diceva uno del Parlamento italiano tanti anni fa.. Ma sti giovani venivano esclusi se non eseguivano ciò che diceva il Partito. Ebbene! Forse che sia venuto il momento di “svegliarsi” dopo questa ammirevole lettera, di far scendere dai troni coloro che gestiscono questa Italia a loro favore altro che per noi italiani, sempre dediti al lavoro, ai sacrifici, alle rinunce e alla famiglia; bravo Giovanni

  12. gigliola ha detto:

    Finchè riusciremo a raggirare certe notizie con fonti attendibili avremo la possibilità di reagire… auguriamoci di non finire imbavagliati del tutto, altrimenti tanti ragazzi come Giovanni saranno privati di quella libertà chiamata democrazia.
    Giovanni e i suoi ci hanno ridato fiato… Urliamo insieme riprendiamoci la nostra libertà!

  13. ASWER ha detto:

    Una speranza dai giovani va bene, ma della tua lettera al servetto di studio aperto non gliene può fregar di meno.
    La strada da prendere per cambiare le cose deve essere un pò più incisiva.
    Manifestazioni pacifiche a go go!!!!!
    Come dice Gigliola, riprendiamoci la nostra libertà!

  14. melandroweb ha detto:

    Imparzialità AFFITTASI

  15. eventibusflexus ha detto:

    bravo giovanni!

  16. unbeinger ha detto:

    Grande Giovanni!
    Due Vignette su Dell’Utri:


    Tranquilli! la rivoluzione dal basso è iniziata!

    http://unbeinger.files.wordpress.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...