Don Verzé, I’Highlander del Kgb

Pubblicato: marzo 28, 2010 in POST
Tag:

Don Verzé, I’Highlander del Kgb .”Entro l’anno oltre al cancro sconfiggeremo definitivamente l’Aids, la malaria, l’emicrania e i pidocchi”. All’inaugurazione del primo centro mondiale per l’eradicazione termonucleare delle verruche del San Raffaele, costato 12 milioni di euro e finanziato dalla regione Lombardia, Berlusconi rilancia. E con lui don Verzè: “Avevamo parlato di vita media a 120 anni, ovviamente estendibile a 150 per me e Silvio. E invece le ultime ricerche dicono che quelli che conducono una vita casta come la nostra, che si sottopongono alle nostre sedute con fisioterapiste specializzate, che mettono insieme il fare e l’amore, possono arrivare fino a 180 anni. Ma c’è anche chi può puntare a 200 anni. Sono le persone come Bondi e Gasparri” continua don Verzè “l’assenza di attività cerebrale rende più difficile l’invecchiamento delle cellule”.
di Stefano Ferrante Da Il Misfatto del 28 marzo

Il primo a congratularsi per il nuovo pronostico di longevità per il premier è stato D’Alema: “Le riforme richiedono tempo e certezza dell’interlocutore, con Berlusconi lavoriamo in tandem dal 1999 e i risultati si vedono, per il bene comune dobbiamo continuare”. “Cosa volete che vi dica? Chi beve birra campa cent’anni” commenta il segretario del Pd Bersani. Mentre Di Pietro è caustico: “L’erba cattiva non muore mai”. Casini tace. “Appresa la notizia è andato a pregare la Madonna delle Grazie” dicono i suoi. Nessuna dichiarazione da Fini. Il presidente della Camera ha avuto un lungo colloquio telefonico con Carlo d’Inghilterra, che gli ha espresso tutta la sua solidarietà. Fini avrebbe chiesto all’eterno aspirante al trono inglese il nome dello psicanalista di fiducia.

Ma è Paolo Guzzanti ad aprire una nuova polemica sulle dichiarazioni di don Verzè: “Finalmente si è tradito. Altro che il Sismi, altro che Pio Pompa. Don Verzè era un agente del Kgb, si occupava di studi sull’ibernazione, me lo rivelò Silvio Berlusconi, e lo confermano le carte dell’archivio Mitrokhin. Fu lui a scongelare Andropov e Chernenko, riuscendo a farli apparire in tv 48 ore dopo il decesso come se fossero vivi e vegeti. E oggi in gran segreto tira fuori dal surgelatore Bossi due giorni prima del raduno di Pontida”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...